Federazione Italiana Scuole Materne Como
Federazione Italiana Scuole Materne Como



Sei in: Home Page » AREA PEDAGOGICA » Approfondimenti

AREA PEDAGOGICA

Approfondimenti

Riflessioni del Consulente Ecclesiastico Nazionale

Il dialogo scuola-famiglia
Ultima modifica: 15-02-2010

IL DIALOGO SCUOLA - FAMIGLIA
I problemi e i conflitti, le cause, le proposte di collaborazione.

Il dialogo scuola-famiglia è un aspetto fondamentale per realizzare quella comunità educante che costituisce un pilastro pedagogico delle scuole di ispirazione cristiana. A volte esso è facile e fonte di reciproca soddisfazione; altre volte, invece, presenta momenti di stallo o di fatica. Capita abbastanza spesso, infatti, che le insegnanti della scuola dell'infanzia riportino, come uno dei problemi ricorrenti, il rapporto con i genitori dei bambini, facendo riferimento a diverse situazioni di tensione e (in qualche caso) di aperto conflitto, a incomprensioni e a forme di mancanza di fiducia reciproca. È  opportuno, quindi, che si prendano in esame queste situazioni e ci si chieda come in concreto si presentino nella esperienza quotidiana delle insegnanti, quali possano essere le cause e quali le proposte concrete per una reale collaborazione e un dialogo fecondo tra scuola e famiglia

Per trattare il tema della Pasqua con i bambini
Ultima modifica: 12-12-2010

PER TRATTARE IL TEMA DELLA PASQUA CON I BAMBINI

Il compito fondamentale della FISM, nel momento storico che stiamo vivendo, consiste nell'affermazione dell'identità delle scuole federate il cui progetto educativo trova nel riferimento ai valori cristiani la propria imprescindibile essenza. Le profonde trasformazioni sociali e culturali in atto, la generalizzata crisi valoriale che condizionano pericolosamente l'agire delle persone e l'operatività delle istituzioni si riflette, inevitabilmente, anche sull'educazione dell'infanzia.

A scuola per imparare a convivere
Ultima modifica: 15-02-2010

A SCUOLA PER IMPARARE A CONVIVERE
La presenza di bambini di altre culture e religioni  nelle scuole dell’infanzia autonome di ispirazione cristiana

La società italiana è caratterizzata da ‘ampie e profonde trasformazioni’: è una società ‘in movimento’, che presenta una ‘pluralità di modelli di comportamento e degli orientamenti di valore’, così come è realistico affermare che essa va assumendo i tratti di una società multiculturale. Un risalto del tutto particolare spetta all'educazione alla multiculturalità, che esige la maggiore attenzione possibile per la conoscenza, il riconoscimento e la valorizzazione delle diversità che si possono riscontrare nella scuola stessa e nella vita sociale in senso ampio.

L'educazione morale nelle scuoile fism
Ultima modifica: 15-02-2010

L'EDUCAZIONE MORALE NELLE SCUOLE DELL'INFANZIA APPARTENENTI ALLA FISM
Problemi e interrogativi

Vogliamo citare alcuni  aspetti particolarmente “a rischio” nella temperie culturale contemporanea: il valore della persona, l'educazione religiosa e l'insegnamento della religione, la formazione della coscienza morale, la ricerca di senso, la questione della verità, l'apertura e l'educazione alla vita.

Ultima modifica: 15-02-2010
QUANDO LA MAESTRA È BRAVA
Quando vogliamo sapere da un bambino le impressioni sulla sua insegnante ci rivolgiamo a lui con la domanda antica: ‘è brava (buona) la tua maestra?’. E il bambino ci sa rispondere in modo immediato e spontaneo. Egli ha le sue categorie per descrivere la brava maestra: ‘è quella che ci vuol bene, ci fa ridere e ci fa giocare, ci ascolta, ci aiuta quando abbiamo bisogno, ci perdona se abbiamo fatto una cosa brutta (cattiva), ci tratta come persone normali (così disse un bambino), ci guarda mentre giochiamo’. Ad una maestra così è facile che i bambini dicano: ti voglio tanto bene, sei bellissima, sto bene con te.
Il Natale cristiano
Ultima modifica: 13-01-2012
IL NATALE CRISTIANO
Come educatori cristiani siamo chiamati a vigilare perché non avvenga che nell'eccitazione e nel frastuono della festa, oggi per tanti aspetti più pagana che cristiana, anche noi perdiamo di vista Colui che è all'origine della festa stessa e della nostra gioia: il Bambino Gesù.
Per trattare il tema della Pasqua con i bambini
Ultima modifica: 15-02-2010

PER TRATTARE IL TEMA DELLA PASQUA CON I BAMBINI 

La proposta di lavoro riguardante la Pasqua, preparata da don Aldo Basso, offre interessanti spunti operativi.  Le insegnanti sono invitate a farne oggetto di attenta valutazione e di specifiche esperienze in occasione della prossima Santa Pasqua. Sarebbe auspicabile che le esperienze più significative siano comunicate alla Fism Como e pubblicate sul sito della Fism Como.

La dimensione religiosa dell'educazione
Ultima modifica: 15-02-2010
LA DIMENSIONE RELIGIOSA DELL'EDUCAZIONE NELLE SCUOLE DELL'INFANZIA DI ISPIRAZIONE CRISTIANA
II tema dell'identità delle scuole dell'infanzia di ispirazione cristiana è centrale. Si tratta anzitutto di avere idee chiare e sicure circa la fisionomia specifica di queste scuole e, in secondo luogo, di riuscire a tradurre in pratica ciò che viene pensato e dichiarato.
Ero forestiero e mi avete accolto
Ultima modifica: 29-06-2011
"ERO FORESTIERO E MI AVETE OSPITATO" (Matteo 25,15)
L'esperienza della interculturalità nella scuola dell'infanzia di ispirazione cristiana
Il tema dell'educazione interculturale si impone ormai come istanza obbligata per coloro che operano nella scuola, poiché siamo di fronte ad un dato di fatto diffuso e sempre più vistoso: la presenza di persone provenienti da altri Paesi, quindi portatrici di culture, religioni, mentalità (assai) diverse dalle nostre
Essere insegnanti di scuola cxattolica - nota
Ultima modifica: 15-02-2010
ESSERE INSEGNANTI DI SCUOLA CATTOLICA
Nota di accompagnamento alla lettura
del testo del Consiglio Nazionale Scuola Cattolica “Essere insegnanti di scuola cattolica”. Che cosa dice un gestore di una scuola dell'infanzia cattolica, o di ispirazione cristiana, a coloro che assume come insegnanti nella propria scuola? Che cosa chiede loro o quali ‘raccomandazioni’ fa? E, più in generale, che cosa si attende la comunità cristiana da coloro che insegnano nelle scuole (cattoliche) che essa ha voluto?
Ultima modifica: 15-02-2010
L'IDENTITA' DELLE SCUOLE DELL'INFANZIA FISM - Una rinnovata responsabilità
L'identità di una scuola che si ispira ai valori cristiani rappresenta un punto di riferimento costante e imprescindibile per ogni scelta che la riguarda. Oggi poi avvertiamo con rinnovata consapevolezza la responsabilità della FISM di adoperarsi per assicurare e promuovere una sempre più chiara e sicura identità delle scuole materne di ispirazione cristiana .
Il Progetto Educativo
Ultima modifica: 15-02-2010
IL PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ISPIRAZIONE CRISTIANA
Originalità e tratti caratteristici della proposta culturale
II Progetto Educativo definisce ed esplicita l'identità culturale di una scuola e indica le linee fondamentali entro le quali si colloca la sua offerta formativa. Ogni aspetto dell'attività educativa di una scuola (didattico, organizzativo, gestionale..) viene caratterizzato e definito dal Progetto Educativo al quale essa si ispira. Ciò vale per ogni tipo di scuola e quindi, naturalmente, anche per una scuola che si ispira ai valori cristiani (scuola cattolica o scuola di ispirazione cristiana)
Il bambino ed i suoi bisogni
Ultima modifica: 15-02-2010
IL BAMBINO E I SUOI BISOGNI
Di che cosa ha bisogno un bambino per crescere felice? Noi adulti che lo abbiamo preceduto nella vita dovremmo essere in grado di rispondere a questa domanda; dovremmo mettere a sua disposizione la nostra esperienza per aiutarlo a scoprire dove sta la vera pace e dove si può ‘quetare il core’ (Dante).
Il senso di un cammino
Ultima modifica: 15-02-2010
IL SENSO DI UN CAMMINO
Viene spontaneo riflettere sul significato del tempo e della storia, sul significato del nostro vivere e del nostro operare. Lo facciamo naturalmente da credenti, nella consapevolezza che l'intera storia umana si pone davanti al Cristo e trova in Lui il suo senso profondo: "La nascita di Gesù a Betlemme non è un fatto che si possa relegare nel passato. Dinanzi a Lui, infatti, si pone l'intera storia umana: il nostro oggi e il futuro dei mondo sono illuminati dalla Sua presenza. Egli è il 'Vivente' (Ap. 1, 1 8)" (Incarnationis mysterium, n. 1).
L'educazione morale nella scuola, oggi
Ultima modifica: 15-02-2010
L’EDUCAZIONE MORALE: UN COMPITO FONDAMENTALE PER LA SCUOLA ( DI OGGI )
Nei tempi che stiamo vivendo, in cui la cultura del mondo occidentale, per quanto attiene alla formazione delle leve scolastiche, e in generale per la crescita dei soggetti in età evolutiva, manifesta una dilagante tendenza al permissivismo,  con sporadici rigurgiti di autoritarismo, ci sembra particolarmente significativo il pensiero espresso in proposito da don Aldo Basso, consulente ecclesiastico nazionale della FISM.
Ultima modifica: 15-02-2010
CIÒ CHE LE COMUNITÀ CRISTIANE SI ATTENDONO DALLE SCUOLE DELL'INFANZIA CATTOLICHE
In qualità di Consulente ecclesiastico don Aldo Basso vuole sottolineare ciò che le comunità cristiane si attendono dalle scuole dell'infanzia cattoliche e vuole richiamare le condizioni di uno stile cristiano di presenza e di servizio da parte di coloro che sono disponibili ad offrire un loro contributo per il buon funzionamento di queste scuole.
Parole vere e credibili sulla scuola cattolica
Ultima modifica: 15-02-2010
PAROLE VERE E CREDIBILI SULLA SCUOLA CATTOLICA
È difficile, se non impossibile, parlare di scuola cattolica - o di ispirazione cristiana - senza ripetere cose già dette - ed autorevolmente dette - da altri in varie sedi. Don Aldo Basso propone qualche breve spunto di riflessione semplicemente per evidenziare ed attualizzare qualche aspetto di un discorso già fatto, tentando un'applicazione alla situazione concreta in cui la FISM sta operando. Si tratta, come il solito, di una breve riflessione proposta schematicamente per punti
1 - La proposta culturale - I contenuti
Ultima modifica: 15-02-2010
1 - LA PROPOSTA CULTURALE  - I CONTENUTI
Ciò che, in questa sede, merita particolare approfondimento è l’originalità specifica della proposta culturale che viene offerta dalla scuola di ispirazione cristiana.
In sintesi, riteniamo di poter raggruppare attorno a quattro titoli i suggerimenti e le indicazioni possibili:
• la concezione dell’uomo e dell’educando
• la concezione dell’educazione
• i contenuti da proporre
• il ruolo dell’educatore
2 - La proposta culturale: Indicazioni per il lavoro
Ultima modifica: 15-02-2010
2 - LA PROPOSTA CULTURALE  - INDICAZIONI PER IL LAVORO DI APPROFONDIMENTO
Le indicazioni proposte possono servire per un approfondimento, da parte della singola insegnante come di un gruppo di insegnanti, del tema centrale riguardante la proposta culturale di una scuola dell'infanzia di ispirazione cristiana. Si tratta di riflettere sui tratti tipici e le caratteristiche che contraddistinguono la proposta educativa che viene offerta all'interno delle scuole dell'infanzia di ispirazione cristiana, la quale per definizione fa riferimento alla concezione cristiana della realtà (e di tale concezione Gesù Cristo è il centro).
La gioia del bambino
Ultima modifica: 12-12-2010

LA GIOIA DEL BAMBINO - La gioia come contenuto e metodo dell’educazione infantile

Aspirare ad essere felici è una disposizione primaria e universale dell’umanità. È un’aspirazione che si presenta fin dagli inizi della vita: l’agire del bambino è guidato dal “principio del piacere” (Freud) e nel corso della vita si cercherà sempre la via che più facilmente porta a sperimentare la gioia. Data questa profonda aspirazione presente in ogni essere umano, è lecito immaginare l’educazione del bambino come una serie di interventi orientati a creare le condizioni affinché i bambini possano sperimentare gioie autentiche e si sentano felici di essere al mondo. Ecco allora il titolo della presente riflessione: la gioia del bambino può essere senz’altro un contenuto centrale della sua educazione e, allo stesso tempo, anche motivo ispiratore per le modalità concrete da seguire nel realizzarla.

Le grandi domande esistenziali
Ultima modifica: 06-01-2011

LA RISPOSTA CRISTIANA AI BAMBINI CHE FORMULANO LE GRANDI DOMANDE ESISTENZIALI

Il bisogno di significato nel bambino connesso alle grandi domande esistenziali ci introduce in quel mondo misterioso ed affascinante al tempo stesso che è la sua vita spirituale: uno straordinario caleidoscopio che in parte sfugge anche all’osservatore più attento, facendolo apparire spesso misterioso ed inaccessibile.

Ultima modifica: 06-01-2011

LE "INDICAZIONI" E LA VISIONE CRISTIANA DELLA PERSONA

Nel numero 197 di “Prima i bambini” sono stati presentati i nuovi traguardi di sviluppo della competenza (TSC) per l’insegnamento della religione cattolica (IRC), previsti sia per le scuole statali che per le scuole paritarie.

Ovviamente, l’attenzione alla dimensione religiosa dell’educazione nelle scuole dell’infanzia federate alla FISM non può esaurirsi nel solo conseguimento di quanto sopra richiamato. Per questo fondamentale motivo la Commissione pedagogica nazionale della Federazione propone che il quadro dei traguardi di sviluppo delle competenze, previsti dalle “Indicazioni per il curricolo”, venga opportunamente integrato con alcuni traguardi specifici nell’ambito di un Progetto educativo Ispirato ai valori cristiani. Ciò permette di “declinare” le indicazioni programmatiche ministeriali secondo una visione cristiana della persona e dell’educazione.

Ultima modifica: 12-12-2010

LA CORRESPONSABILITA' EDUCATIVA DEI GENITORI NELLA SCUOLA CATTOLICA - Orientamenti Operativi

Parlare di corresponsabilità educativa significa in primo luogo riconoscere che l’educazione dei giovani non compete esclusivamente o separatamente alla sede scolastica o a quella familiare, ma ad entrambe, in reciproco concorso di responsabilità e impegni; significa quindi esaltare la scelta scolastica operata dai genitori, che non si riduce a delega totale alla scuola ma implica una necessaria condivisione della responsabilità educativa, raggiungibile attraverso una comunicazione costante e feconda, ed attraverso l’elaborazione comune di regolamenti e la partecipazione ad organismi rappresentativi; significa porre al centro dell’azione educativa l’unitarietà del soggetto in crescita, che si relaziona al tempo stesso con i genitori e con la scuola; significa andare oltre la semplice partecipazione, che rischia di rimanere sostanzialmente esterna al processo educativo scolastico, ed anche oltre la cooperazione prevista dalle leggi di riforma della scuola, per raggiungere il livello di una vera e totale corresponsabilità sul terreno dell’educazione che si svolge a scuola e nella scuola cattolica in particolare.